La macula è una parte della retina in cui si trovano le cellule responsabili della visione centrale, dette fotorecettori.

Nella maculopatia atrofica o maculopatia secca avanzata si verifica una lenta e progressiva alterazione delle cellule della retina nella parte centrale, e da ciò consegue una difficoltà crescente di vedere.

COSA?

  • I COLORI

    Le immagini appaiono più scure del normale, opache, senza sfumature. Tutto diventa nebbioso e grigio

  • LE LUCI

    Se al sole ci si sente abbagliati, i contrasti si perdono e nella penombra diviene impossibile orientarsi

  • LE SCRITTE

    Così come i disegni, le ore sull’orologio, i segnali stradali, appaiono distorti, confusi, a volte cancellati dalla vista a causa di macchie scure che si formano nel campo visivo

  • LE ESPRESSIONI

    Distinguere i visi delle persone, le fisionomie, riconoscere un’emozione che traspare da un volto, purtroppo diventa molto difficile

  • GLI OSTACOLI

    Gli oggetti sul proprio cammino, presenti lateralmente o centralmente rispetto al campo visivo

  • LE IMMAGINI

    Tutto ciò che scorre su uno schermo, dal televisore al monitor del pc o dello smartphone, appare sfocato, impossibile da mettere a fuoco

Presidente Comitato Macula

Massimo Ligustro

La maculopatia secca o atrofica colpisce soprattutto le persone over 70, cambiando loro la visione del mondo, che diventa offuscata, annebbiata e distorta. Tuttavia, dare una mano agli occhi e migliorare la qualità della vita e della vista, con tanti piccoli sistemi e trucchi da sperimentare a casa e fuori casa, è possibile. Con l’aiuto di chi ci vuole bene.

Consigli utili

GESTIRE L’ATROFIA GEOGRAFICA IN CASA

La perdita dell’autonomia non è affatto condizione inevitabile. Partiamo dalla casa, luogo in cui si nascondono molte insidie per una persona con maculopatia. Clicca sulla piantina e scopri come adattare le stanze alle tue necessità.

IN CUCINAIN SALA DA PRANZOIN BAGNOIN CAMERAIN TUTTA LA CASAIN TUTTA LA CASAIN CAMERA

IN CUCINA

  • Tenere a portata di mano solo gli utensili che si usano più frequentemente e riporli sempre negli stessi cassetti e ripiani
  • Illuminare alla perfezione la zona cooking evitando che ci siano zone d’ombra
  • Usare fornelli a induzione evitando fuochi, gas e altro genere di potenziali fonti di pericolo e identificare ogni fornello con un’etichetta colorata
  • Usare piccoli elettrodomestici colorati (o evidenziati con adesivi colati), facili da usare, con pochi accessori di ricambio

IN SALA DA PRANZO

  • Applicare paraspigoli di gomma a tavoli, isole e madie
  • Marcare i ripiani della dispensa con carte a colori vivaci o simili etichette, così da sapere cosa contengono
  • Tenere sempre disponibile una lente d’ingrandimento
  • Istruire le persone di casa a mantenere in questo ordine la stanza

IN BAGNO

  • Collocare faretti che si orientino in modo da portare luce in ogni angolo, compresa la doccia
  • Applicare adesivi antiscivolo colorati sul piatto doccia o vasca, che fungano anche da guida
  • Applicare a vasca e doccia dei corrimano o maniglie di appoggio
  • Sistemare i prodotti per l’igiene personale scegliendo ripiani e cassetti per ogni tipo di articolo
  • Posizionare i medicinali in appositi dispenser con etichette colorate e scritte grandi per identificarli
  • Utilizzare dispositivi elettrici per la depilazione e la barba

IN CAMERA

  • Ridurre al minimo necessario i mobili, eliminare potenziali ostacoli dal cammino, tappeti e scendiletto che possano aumentare il rischio di inciampo
  • Dotarsi di orologi e sveglie smart o con display e numeri grandi e ben definiti

IN TUTTA LA CASA

  • Collocare led colorati o luci d’emergenza lungo le pareti, così da non avere mai buio completo
  • Scegliere complementi d’arredo dai colori vivaci che connotino ogni ambiente, in modo da identificarli con facilità
  • Disporre corrimani o montascale lungo le scale
  • Su TV e display di pc e telefoni installare programmi che ingrandiscano le scritte, aumentino i contrasti di colore, traducano i testi scritti in vocali audio e migliorino l’esperienza di navigazione

IN TUTTA LA CASA

  • Usare se possibile la domotica: per accendere le luci, azionare gli elettrodomestici e gli allarmi
  • Dotarsi di assistenti virtuali che rispondano a comandi vocali e interagiscano in modo smart con gli abitanti della casa
  • Dotarsi di assistenti robotici o di aiuto umano per la pulizia degli ambienti

IN CAMERA

  • Posizionare in ogni ambiente una lente di ingrandimento pronta all’uso e una mini torcia
  • Montare su tutte le finestre tende che riducano al minimo il rischio di abbagliamento

E FUORI CASA?

Se le mura domestiche possono nascondere pericoli insospettabili, è senza dubbio l’ambiente esterno a rappresentare il rischio maggiore. Ecco cosa fare!

Gli oculisti

Ci si può affidare ad oculisti e strutture d’eccellenza, così da avere la garanzia di poter ricevere il miglior trattamento a disposizione per salvaguardare la propria capacità visiva.

Il parere

Si può chiedere al proprio oculista cosa si può fare in autonomia, in base al grado di severità di maculopatia secca e al coinvolgimento di uno o di entrambi gli occhi.

Il test

Si può monitorare attentamente il proprio declino visivo man mano che progredisce. Sottoporsi regolarmente al test della griglia di Amsler è un buon modo per farlo.

La mente

Se ci si sente sopraffatti dall’angoscia, è opportuno farsi aiutare: una psicoterapia per dotarsi di strumenti interiori che ci supportino nel percorso è la via migliore per prendersi cura della mente.

Gli ausili

Le ASL forniscono gratuitamente agli ipovedenti ausili e dispositivi ottici. Per saperne di più, rivolgiti al Comitato Macula: un operatore ti fornirà indicazioni aggiornate.

Il Comitato Macula

Si può cercare ascolto, supporto e sostegno in un’associazione di pazienti come il Comitato Macula, la prima in Italia che riunisce le persone con maculopatia.

CHIAMA SOS MACULA AL 375.5378678

Hai bisogno di aiuto per la tua maculopatia o quella di un tuo caro?

VITA QUOTIDIANA

La regola d'oro è farsi aiutare, non fare gli eroi.

• Se la malattia è all’inizio o coinvolge un solo occhio, e se l’oftalmologo è d’accordo, si può continuare a guidare l’automobile o andare in bicicletta. Purché per brevi tragitti, di giorno e in strade conosciute
• Sempre comunque meglio affidarsi a un GPS
• In fase avanzata di maculopatia secca è buona prassi usare i mezzi pubblici o farsi accompagnare
• Non uscire mai da soli dopo il tramonto, quando la luce e la capacità visiva calano drasticamente
• A piedi si possono fare tante cose, ma è meglio seguire itinerari conosciuti, i cui punti di riferimento siano ben noti e facilmente riconoscibili

• Si può procedere da soli nei negozi e market conosciuti, e dove ci conoscano, dove ritroviamo facilmente i prodotti e gli articoli da acquistare
• Si può comprare via web ciò che non possiamo andare a scegliere di persona, o prenotare la spesa a domicilio. Modi facili, alla portata di tutti, per non farsi mai mancare il necessario e… il superfluo!
• Ma naturalmente, in due è meglio (se possibile)

Ricordiamoci che abbiamo 5 sensi! Affinare l’udito, il tatto, l’olfatto e, perché no, anche il gusto, può trasformarsi da necessità in opportunità.

APPROFONDIMENTO MEDICO

A cura del Prof. Massimo Nicolò

CLINICA OCULISTICA UNIVERSITÀ DI GENOVA

LA MACULOPATIA ATROFICA (CON IMMAGINI)

L'OBIETTIVO DEI NUOVI FARMACI

Campagna di sensibilizzazione sulla atrofia geografica.

Con il contributo non condizionato di: