Bando di Donazione relativo al progetto “Occhio al Diabete – Non perderti la Vista”

Le patologie croniche non trasmissibili e le loro complicanze hanno un impatto considerevole sullo sviluppo delle Città in termini di costi economico-sociali diretti e quindi la salute può essere definita un “bene comune”, un investimento.

 

Il Comitato Macula ha come obiettivo la sensibilizzazione e prevenzione delle patologie degenerative e vascolari della retina e della macula e come tale si fa promotore del progetto Occhio al Diabete e coinvolge attivamente Comune di Genova, Regione Liguria, UniversitĂ  di Genova con il patrocinio di ANCI Liguria.

 

Tutti questi soggetti, attraverso la sottoscrizione di un accordo-quadro, intendono realizzare un programma di azioni e misure per sensibilizzare i cittadini sulle conseguenze del diabete, nonché per prevenire e contrastare il trend ascendente di alcune delle sue complicanze all’interno del territorio comunale.

 

Il progetto si articola su più fasi, per una durata di circa 6 mesi, con l’obiettivo di incoraggiare l’adesione dei cittadini a programmi di prevenzione primaria di alcune delle complicanze oculari della malattia diabetica, che possono manifestarsi anche dopo anni dall’insorgenza della malattia cronica primaria, per identificarne precocemente i segni quando questi sono ancora asintomatici.

 

Uno dei punti essenziali del progetto è rappresentato dalla predisposizione di centri per diagnosticare la complicanza oculistica derivante dal diabete: in quest’ottica si stima che possano essere necessari fino a 3 centri spoke sul territorio del Comune di Genova per l’esecuzione delle visite specialistiche, attrezzati con specifici strumenti di diagnosi utilizzati da personale sanitario.

 

La situazione di emergenza sanitaria in cui ci troviamo ci richiede misure straordinarie a rimedio degli interventi di monitoraggio e prevenzione sanitaria resi più difficili. A tutti viene chiesto uno sforzo in più per contribuire a recuperare gli interventi rimandati o cancellati. Ai cittadini e alle aziende viene offerta l’opportunità di sostenere un’iniziativa di grande rilievo in tema di prevenzione sanitaria.

 

I destinatari della proposta sono:

  • Tutti gli operatori economici (a partire, ma non solo, dalle aziende del settore sanitario e dai produttori delle strumentazioni) che intendano promuovere la propria immagine con l’adesione al progetto e alle sue finalitĂ 
  • Associazioni di pazienti
  • Privati cittadini

 

Le offerte destinate ad acquisire le risorse umane e strumentali necessarie alla realizzazione del progetto potranno essere sotto forma di:

  • Donazioni finanziarie (deducibili fiscalmente nella misura del 26% per donazioni non superiori ai 30.000 euro)
  • Donazioni di natura tecnica (forniture di beni o altre utilitĂ )
  • Donazioni miste (in parte finanziarie, in parte tecniche)

 

Le donazioni sono raccolte dal Comitato Macula e i beneficiari saranno Ospedale Policlinico San Martino IRCCS e ASL3.

Gli aderenti al Bando attraverso la donazione potranno:

  • Contribuire alla realizzazione di un progetto volto alla salvaguardia della salute dei cittadini, reso possibile attraverso una massiccia campagna di sensibilizzazione e prevenzione
  • Promuovere e valorizzare la propria immagine
  • Riscattare la strumentazione utilizzata (se in comodato) per il progetto
  • Diffondere i propri valori attraverso un progetto che contribuirĂ  allo sviluppo e all’espansione della CittĂ  in un’ottica di prevenzione delle complicanze derivanti dal diabete
  • Incoraggiare a condurre stili di vita sani, anche ai fini di una futura riprogettazione o presa in carico dei soggetti a rischio

 

Partendo dal presupposto che l’impegno economico del progetto è relativo al costo umano e strumentale, abbiamo previsto anche la possibilità di contribuire a pacchetti:

  • Pacchetto risorse umane Centralinista: una mensilitĂ  corrisponde a 1400 euro lordi
  • Pacchetto risorse umane Ortottista: una mensilitĂ  corrisponde a 1500 euro lordi
  • Pacchetto risorse umane Medico Oculista: una mensilitĂ  corrisponde a 2000 euro lordi
  • Pacchetto risorse strumentali: è possibile contribuire con una liberalitĂ  relativa al noleggio oppure all’acquisto dello strumento che consente di eseguire l’esame OCT associato alla fotografia a colori del fondo oculare. Il noleggio per un periodo di 6 mesi è pari a 1000 euro lordi al mese, mentre per l’acquisto sarĂ  necessario un contributo pari a 35.000/40.000 euro
  • Pacchetto Comunicazione: un semestre corrisponde a 2500 euro lordi

 

Benefit per i Donatori:

  • VISIBILITĂ€: evidenza nelle campagne informative e comunicative del progetto (su depliant e brochures, web e sul sito del Comune di Genova, Regione Liguria e UniversitĂ ); partecipazione alle iniziative di divulgazione del progetto
  • FEEDBACK DI IMMAGINE: associare il proprio nome ad un progetto volto alla prevenzione di una complicanza importante del diabete ha una forte valenza per la cittadinanza, che considererĂ  i donatori come soggetti sensibili ed attivi sul territorio
  • RICONOSCIMENTO DI AFFIDABILITĂ€: i donatori, come garanzia di fiducia e affidabilitĂ , potranno citare nelle proprie comunicazioni la collaborazione con gli Enti sottoscrittori dell’Accordo per la realizzazione del progetto

 

Coordinate Bancarie:
Comitato Macula APS – Banca Credem – IBAN: IT49W0303201402010000326954

 

Con il patrocinio di:
 

 

Sei un paziente con maculopatia, un familiare o un caregiver e vuoi far sentire anche tu la tua voce? Vuoi vedere riconosciuti i tuoi diritti a ricevere una diagnosi in tempi certi e le cure migliori disponibili? Vuoi contribuire a promuovere la conoscenza e la ricerca in questo settore dell’oculistica? Unisciti al Comitato Macula, la prima Associazione senza fini di lucro costituita per dare voce ai pazienti con maculopatia.

Quali sono le paure e le speranze per il futuro dei pazienti affetti da maculopatia? Roberta ci confida le sue.

Convivere con una maculopatia comporta necessità specifiche e limitazioni quotidiane. Ma grazie a un buon rapporto medico-paziente tutto può diventare meno complicato. Parola a Marina.

Ascoltiamo cosa significa in concreto sottoporsi alle iniezioni intravitreali, e perché è importante farlo, dalla voce di Stefano, un paziente di 58 anni.